Domenico Modugno, compositore

Domenico ModugnoDomenico Modugno è considerato il padre dei cantautori italiani e come autore interprete è tra i più grandi d’Europa.

Nacque il 9 gennaio 1928 a Polignano a Mare (Bari), un paesino dalle case bianche a picco sul mare. Dal padre Cosimo comandante del Corpo delle Guardie Municipali a San Pietro Vernotico (BR), imparò fin da piccolo a suonare la chitarra e la fisarmonica ed ereditò una grande passione per la musica, componendo la sua prima canzone a 15 anni. Insoddisfatto della vita di paese, a 19 anni scappò di casa e andò a Torino, la città più a nord d’Italia, dove si adattò a fare il gommista in una fabbrica. Ritornato al paese per fare il servizio militare, ripartì per Roma dove pur d’iniziare la sua carriera artistica si mise a fare ancora una volta i più umili mestieri. Partecipò al concorso per attori al Centro Sperimentale di Cinematografia, dove fu ammesso e dove, successivamente, vinse la borsa di studio quale migliore allievo della sezione di recitazione. Modugno e la moglieNel 1951, ancora allievo, prese parte al film “Filumena Marturano” di Eduardo De Filippo e nel 1952 a “Carica eroica” di De Robertis dove interpretava la parte di un soldato siciliano che canta la “Ninna Nanna” ad una bambina. E’ da questo episodio che nacque la leggenda del “Modugno siciliano”. Sempre nel 1952 è “attore giovane” in teatro nel “Il borghese gentiluomo” di Molière (Compagnia Tatiana Pavlova) e prende parte ai films “Anni facili” di Zampa (1953) e all’episodio “La giara” con Turi Pandolfini e Franca Gandolfi, del film di Giorgio Pàstina “Questa è la vita” (1954). Nel 1953 si presentò al concorso musicale radiofonico “Trampolino” e dopo prese parte alla trasmissione “Radioclub” in onore di Frank Sinatra.

Ulteriori informazioni su

ww.domenicomodugno.it